Il legno non è solo per lo stile classico. Sono numerosi gli stili che prevedono l’impiego di questo materiale nobile per la costruzione di tavoli, armadi ed altri complementi d’arredo. In questo articolo scopriremo insieme quali sono le applicazioni del legno per le nuove tendenze dell’home decor.

Il prestigio dei mobili in legno

Il legno è un materiale naturale, ricavato dal fusto degli alberi, duttile e altamente versatile nei suoi impieghi. Ecco perché non è solamente lo stile classico a risentire del suo fascino, sono molti gli stili che sfoggiano questo materiale di origine naturale. La lavorazione a mano del legno rende ogni pezzo unico nel suo genere che gli artigiani sono in grado di convertire in vere e proprie opere d’arte.

Attualmente esistono molti prodotti del legno tra cui: Il legno massello e legno impiallacciato.

Il legno massello è sicuramente il materiale più nobile, solido e durevole nel tempo, viene ricavato dal tronco dell’albero e non subisce particolari processi di lavorazione.

Venature, piccole crepe, nodi e impurità sono parte dell’unicità e del fascino del legno massello.

Il legno impiallacciato (scopri di più sull’impallacciatura) è composto da pannelli di truciolare o pannelli di legno multistrato. I pannelli una volta compattati vengono ricoperti da uno strato di vero legno. I principali fattori di apprezzamento sono la flessibilità e la leggerezza, non che l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Il legno impiallacciato è resistente all’umidità e dunque preferito negli ambienti di bagno e cucina.

Legno: il materiale per interni ed esterni

Il legno è una materia prima affidabile, capace di infondere sicurezza sia negli spazi interni che in quelli esterni. Negli ambienti interni ha il potere di conferire calore e rendere qualsiasi stanza un po’ più accogliente e familiare.

Per l’esterno vengono progettati mobili da giardino in legno eleganti e resistenti che con un’adeguata manutenzione manterranno inalterata la loro bellezza e dureranno nel tempo.

I mobili in legno per lo stile moderno

Lo stile moderno è caratterizzato da linee semplici e pulite, si presenta come uno spazio minimale, prezioso nella sua essenzialità. Primeggiano i contrasti cromatici, pertanto è possibile trovare sia colori come bianco, nero, grigio che tonalità più vivaci ed intense.

I mobili in legno si presentano al naturale o laccati e sono personalizzati con finitura lucida o opaca. Negli ambienti in stile moderno è frequente vedere mobili lucidi che, con la loro superficie riflettente, intensificano la luminosità della stanza.

Tra i mobili in legno spiccano tavoli e tavolini, madie e pareti attrezzate per quanto riguarda il living, ma anche letti, comò e comodini per la zona notte.

Sono molte le aziende che scelgono il legno per progettare mobili moderni e di design, come ad esempio grossi colossi come Ikea o Maison du monde, oppure aziende completamente Made In Italy come il brand Napol Arredamenti.

Stile Industrial: Tra ferro e legno

Il termine “industrial” nasce in America negli anni 50’. In questo periodo molte fabbriche vennero dismesse per essere adibite ad uso privato. Le case in questione presentavano ancora i tratti tipici degli edifici industriali e dunque mattoni grezzi sulle pareti, colonne di cemento, travi in legno e tubature di metallo a vista. Non è un caso se quelle citate poc’anzi siano tutt’oggi le caratteristiche vere e proprie dello stile industriale.

I colori che predominano la scena industrial sono il nero, il marrone e il grigio. Gli ambienti ideali con cui arredare in stile industriale sono Loft e open space, l’ampiezza e la luminosità degli spazi infatti, si bilanciano alla perfezione con arredi e complementi di colori scuri.

I tipi di legno Industrial

Tra i materiali più usati per arredare in stile industriale (lo stile che piace ai giovani) compaiono il legno e il ferro, per conferire appunto quel tocco grezzo e autentico agli ambienti. I mobili industrial più iconici sono credenze e scaffalature realizzati con legno riciclato o grezzo, di colori naturali e completati da dettagli in metallo nero. Il legno viene impiegato anche per il rivestimento di pavimenti, per travi a soffitto, panche, tavolini e sgabelli.

Il legno preferito per la realizzazione dei complementi è solitamente legno di mango o legno di abete.

Lo stile boho e la connessione con la natura

Boho viene da Bohème o Bohèmien, termine con cui si riferisce agli artisti del XIX secolo e al loro modo libero e anticonformista di vivere. Allo stesso modo il Boho è uno stile di arredamento scevro dalle convenzioni che sperimenta e abbraccia più stili e tendenze unite tra loro.

L’arredamento boho vede elementi etnici di paesi quali Africa, Asia e Sud America ma anche elementi hippie e vintage. Il risultato è una casa estrosa, originale e senza limiti.

Il boho è molto legato alla terra e alla natura, il legno naturale è infatti una costante negli ambienti arredati con questo stile. Con il legno vengono costruiti tavoli e tavolini, madie, ma anche poltrone eccentriche e rivestimento per pavimenti.

I tipi di legno che si prestano per queste lavorazioni sono il legno di pino, di abete, di quercia e di rovere.

Il bambù è impiegato per la costruzione di lampade, i materiali come il macramè, il rattan e altre fibre naturali per la progettazione di arazzi da parete, tende e coperte.