Il cantiere edile è una unità produttiva che viene installata temporaneamente da uno o più appaltatori per poter eseguire un lavoro edile oppure di ingegneria civile. Può essere installato per esempio presso un locale, un sito o un ambiente e viene consegnato direttamente da un committente.

Una delle figure più importanti in questo caso è il direttore tecnico di cantiere, viene nominato dall’appaltatore e a lui sono affidati diversi compiti quali per esempio organizzare, coordinare ed eseguire i lavori in base alle norme contrattuali.

A seguire c’è poi il direttore dei lavori, il quale invece deve supervisionare l’andamento stesso del lavoro.

Cantiere edile, perché viene allestito

Un cantiere edile può essere allestito per diversi motivi. Per esempio quando c’è bisogno di:

  • Costruire
  • Svolgere manutenzione
  • Riparare
  • Demolire
  • Conservare
  • Risanare
  • Restaurare
  • Ristrutturare
  • Equipaggiare

Quando l’azienda interviene con lo scopo di rinnovare, smantellare o trasformare delle opere fisse permanenti o temporanee, deve occuparsi anche degli impianti elettrici e quelli idraulici per esempio.

Un cantiere edile può essere allestito anche quando c’è bisogno di un intervento sulle opere stradali o quelle ferroviarie. Viene montato in quelle circostanze dove il lavoro non può essere svolto al chiuso, come in un’officina o una fabbrica.

Come viene organizzato un cantiere

Un cantiere viene organizzato sulla traccia del progetto originario. Vengono quindi studiate le attrezzature da utilizzare, ma anche i materiali, il numero di lavoratori e quali incarichi devono svolgere.

Influenza parecchio tutto questo anche la dimensione e la complessità dell’opera. Le scelte progettuali hanno un nesso piuttosto importante con le scelte relative ai materiali e le tecnologie da utilizzare.

Il cantiere per sua natura deve essere un luogo sempre delimitato e segnalato, deve possedere una propria visibilità e va organizzato per bene e in aree che possono essere più o meno numerose, così da offrire lo spazio sufficiente per svolgere le diverse attività.

Progettazione e gestione del cantiere

La progettazione del cantiere serve per dirigere le operazioni necessarie per costruire, ristrutturare e modificare l’edificio. In questa fase però serve anche tenere in considerazione le risorse a disposizione e i tempi nei quali si può lavorare bene.

Vanno indicate le attrezzature necessarie, va ristabilito l’impianto e serve quantificare gli spazi per le lavorazioni, così come per il transito dei mezzi. Per poter fare tutto questo, come ci spiega TecnoLiving, serve adottare i DPC, cioè componenti fondamentali per rendere il cantiere sicuro e ridurre così al minimo i rischi per i lavoratori.

Questi Dispositivi di Protezione Collettiva sono attrezzature e strumenti appositamente pensati per ridurre al minimo i rischi e i danni alla salute nell’ambiente di lavoro. Sono però progettati per difendere il gruppo e non l’individuo ed è per questo che sono considerati prioritari rispetto ai DPI, i quali invece servono per la protezione del singolo.

Le figure professionali in un cantiere edile

Il cantiere edile da solo non è completo se non ci sono persone competenti all’interno per lavorarci. Tutte le figure sono infatti importanti e necessarie affinché l’opera possa essere completata e con la massima sicurezza. Vediamo alcune delle principali.

Capocantiere

Il capocantiere è colui che coordina il cantiere edile. Può essere un operaio di quarto livello o un geometra. Gestisce gli operai e gli approvvigionamenti, verifica che il cantiere avanzi correttamente e gestire il materiale che entra e esce. E’ suo il compito di controllare che le norme di sicurezza siano rispettate e si coordina con il direttore di cantiere per ottenere le informazioni necessarie per l’avanzamento dei lavori.

Preposto

Controlla che il lavoratore segua tutte le disposizioni di sicurezza che gli vengono impartite, così come i vari strumenti siano usati correttamente. Allo stesso tempo però può occuparsi anche di altre cose, svolgendo per esempio del lavoro manuale o svolgendo compiti relativi alla sorveglianza.

Direttore tecnico di cantiere

Conduce il cantiere e alcune volte coincide con la figura del capocantiere. Ha il potere di prendere decisioni sia quando c’è da fare programmazione operativa sia condotta esecutiva. Tra i suoi compiti vi sono quelli do organizzare il cantiere, realizzare opere provvisionali, guidare e sorvegliare, controllare che venga rispettata la normativa antinfortunistica etc.

Progettista

Il progettista è colui che si occupa di definire tutti gli elementi che si devono concretizzare. Coordina e definisce le varie fasi di progettazione. Per esempio si occupa della parte progettuale del territorio, dell’ambiente, dell’edilizia, l’architettura e l’urbanistica, così come dei vari componenti dell’architettura come la forma, la tecnologia edilizia e l’impiantistica.

Coordinatori della sicurezza

Assicura che venga applicato il piano di sicurezza e di coordinamento, verificando che il piano operativo sia idoneo. Tale piano deve essere redatto dall’impresa di riferimento. In questo modo organizza le attività con il fine di prevenire il rischio.