Come sbrinare il freezer: consigli per non sbagliare

Sbrinare il freezer? È certamente una delle attività meno divertenti – ma più importanti! – per la buona manutenzione di questo fondamentale elettrodomestico, in grado di congelare alimenti e, mediante la garanzia di una temperatura costante, assicurarci la disponibilità di cibo da scongelare o da consumare a nostro piacimento.

Dunque, a meno che non abbiate un frigo no frost, autosbrinante, periodicamente dovrete dedicare del tempo all’attività di sbrinatura del frigo, da ripetere almeno due volte l’anno, al cambio di stagione. Ma come fare?

Per tutti coloro i quali si stanno per accingere a questa procedura, abbiamo riepilogato una buona guida che vi consigliamo di consultare!

Come prepararsi a sbrinare il freezer

In primo luogo, tenete conto che sbrinare il freezer è un’attività che dovreste effettuare nel più breve tempo possibile, evitando dunque che i prodotti surgelati rimangano fuori dal congelatore a lungo.

Per questo motivo è consigliabile fare l’operazione consumando quanto possibile i prodotti presenti in freezer, evitando dunque di sbrinarlo quando è al massimo della sua capienza. I prodotti non consumati potranno essere riposti all’interno di sacchetti termici (sono quelli che potete comprare nei supermercati per poter portare gli acquisti a casa vostra) o ancora meglio di borse frigo con ghiaccioli.

Fatto ciò, staccate la spina del frigorifero (può sembrare superfluo, ma è bene rammentarlo!) e poi spegnete il frigorifero usando la manopola solitamente posizionata vicino alla luce. Mettete poi degli asciugamani per terra.

Sbrinare il congelatore

Il metodo più semplice e meno faticoso per poter sbrinare il freezer è quello di mettere delle bacinelle con acqua calda nel congelatore per poter accelerare il processo di scongelamento del ghiaccio. In alternativa, potete riporre degli stracci inzuppati di acqua calda all’interno del congelatore.

Mentre attendete che il ghiaccio nel freezer lentamente si sciolga, occupatevi della pulizia del frigorifero, partendo dall’alto: in questo modo tutto lo sporco che cade potrà essere rimosso quando vi occuperete, infine, dei ripiani inferiori. Togliete poi gli stessi elementi di ripiano e i cassetti, lavateli e lavate le pareti. Passate dunque ai ripiani della portiera: generalmente si possono facilmente staccare e lavare.

Concludere la sbrinatura del freezer

A questo punto avete fatto molto ma… non tutto! Una volta finita la pulizia di cui sopra, infatti, dovrete mettere in frigo uno dei prodotti che assorbono gli odori: si tratta di piccoli accessori da posizionare o attaccare nelle pareti del frigorifero, che vi permetteranno di dare un’aria di maggiore pulizia all’elettrodomestico.

Per quanto concerne il freezer, il posizionamento di stracci e bacinelle di acqua calda dovrebbe essere attività sufficiente per poter rimuovere il ghiaccio. Se così non  fosse, prendete una spatola e scrostate il ghiaccio rimasto. Quindi, pulite pareti, ripiani e cassetti.

Fatto ciò, rimettete tutto a posto e riaccendete il frigorifero: il nostro suggerimento, almeno all’inizio, è quello di impostare una temperatura più elevata del solido, in maniera tale che il freezer arrivi il prima possibile a temperatura, evitando che i prodotti congelati siano rimessi in congelatore quando questo è ancora caldo, con conseguente rischio di perdita della loro “catena” del freddo.

Foto copertina by Dev on Unsplash.