La camera da letto negli anni si è trasformata in un posto di relax, lettura, per trovare l’outfit perfetto da sfoggiare e zona make up per le donne. Insomma, non è più un luogo dove “si dorme” ma una stanza multifunzionale di grande importanza.

Per renderla piacevole esteticamente – nonché funzionale – è necessario illuminarla al meglio differenziando le varie zone a disposizione. Ma come fare e quali sono gli strumenti che possono aiutare? Ecco i consigli dei professionisti da mettere in pratica.

Soluzioni per illuminare la camera da letto

Che cos’è oggi una camera da letto? Un rifugio, una zona dove rilassarsi, un posto dove prepararsi prima di uscire e il proprio angolo quello dove poter essere se stessi.

Si arricchisce di un arredamento classico o moderno, con specchi in sviluppo verticale e armadi ampi che contengono tutti i propri effetti personali. Ma se ci si ferma un attimo a pensare all’illuminazione, come adeguarla in base allo spazio e alle proprie esigenze personali?

Le soluzioni oggi sono tantissime e studiate per garantire una risposta alle tante domande degli utenti. La prima idea che viene in mente è il classico lampadario che però non costituisce la fonte di illuminazione primaria della stanza: questo elemento si sceglie prevalentemente per ottenere una soluzione di arredo esteticamente accattivante o per un passaggio veloce all’interno della stanza.

Si accende nel momento in cui si deve fare qualcosa di veloce e per arricchire l’arredamento scelto. È sempre un elemento di grande effetto scenico, soprattutto se viene scelto di grandi dimensioni o con una struttura particolare di design, sino al vintage più classico.

Alcune persone prediligono un arredamento più classico avvalendosi alla plafoniera. Oggi sono di diverse dimensioni – materiali e forme scelte sopratutto per ottenere un punto luce centrale della stanza.

Vintage ma non troppo, i faretti sono consigliati se si hanno a disposizione dei binari o un soffitto a media altezza. Possono essere gestiti in maniera differente con intensità di luce a seconda della necessità del momento (lettura, relax, momento di svago o prima di andare a dormire).

I professionisti del settore consigliano una collocazione di 30/40cm l’uno dall’altro facendo attenzione anche alla parte estetica. Per fare questo scegliere sempre materiali e colori che si sposino perfettamente con l’ambiente circostante.

Una soluzione innovativa e moderna sono le strisce led. Questa è consigliata nel momento in cui non si ha a disposizione una stanza grande e finestre che consentano di illuminare la stanza naturalmente. La striscia led è “invisibile” consentendo di ottenere un fascio di luce interessante da posizionare in varie zone della stanza a seconda della funzionalità.

Un classico senza tempo? Senza dubbio l’abat-jour posizionata sul comodino vicino al letto. Nonostante moltissime persone trovino questa soluzione altamente retrò, in alcuni casi si fonde perfettamente all’arredamento arricchendolo. Non solo, la luce diffusa da questi elementi è rilassante nonché ideale per avere un punto fermo ad ogni ora della notte.

Poco spazio o voglia di modernità? Innovative ed eleganti sono le applique a muro che oggi sono disegnate con forme accattivanti e predominanti. Da scegliere per ogni tipologia di arredamento, come le applique led che puoi vedere in questa pagina, non rappresentano solo una idea di design ma anche di funzionalità. Il fascio di luce può essere regolato sia come posizione e sia come intensità.

Come illuminare l’armadio e angolo relax

Le dimensioni della stanza sono importanti per capire come deve essere sistemata l’illuminazione ma, allo stesso tempo, ci sono dei punti strategici che devono essere ben illuminati.

Si parte dal comodino – posizionato di norma vicino al letto – che serve per appoggiare oggetti personali che servono per la notte, dagli occhiali – cellulare – acqua e un buon libro. L’ideale è una lampada con braccio pieghevole che si adatta per orientare il fascio di luce verso la propria zona del letto.

Anche in questo caso ci possono essere soluzioni di design diverse a seconda dell’arredamento e gusto personale. Di norma queste non rappresentano un elemento da arredamento accattivante ma devono comunque essere scelte al meglio, così da fondersi con l’ambiente circostante.

Da non sottovalutare – come visto nel primo paragrafo – le soluzioni moderne di abat-jour. I modelli “della nonna” sono stati sostituiti da quelli moderni, con colori accattivanti e presa USB inclusa così da avere tutti i device a disposizione sotto carica.

Se non si ha spazio a disposizione, l’applique può essere scelta e posizionata vicino al letto. Da tenere in considerazione le soluzioni moderne che si adattano ad ogni tipo di esigenza che va dalla lettura alla sola emissione del fascio di luce rilassante.

E l’armadio? Il guardaroba illuminato è una soluzione moderna per risparmiare in termini di elettricità si consigliano i faretti piccoli. Questi vengono posizionati sulla parte alta del mobile sempre con luci Led ecologiche e non invasive.

Per chi non lo sapesse, i faretti si attivano solo all’apertura delle ante e si spengono in automatico alla chiusura: nessuno dovrà preoccuparsi di essersi dimenticato le luci accese!