Consigli per un trasloco organizzato ed economico

Traslocare è un momento della vita molto particolare perché si gira in qualche modo una pagina e si comincia un periodo tutto nuovo. Eccitazione ed entusiasmo per la nuova casa ma anche tanti preparativi e un po’ di stress non mancano di certo nei mesi precedenti.

Ci sono modi per limitare al minimo difficoltà e ansie legati ai giorni del trasloco, basta pianificare al meglio tutti gli aspetti organizzativi e per farlo ecco alcuni preziosi suggerimenti. Tuttavia come è scritto in questo articolo, ci sono alcune pratiche burocratiche da sbrigare per cui andrebbe valutata ancor più seriamente l’idea di affidarsi a professionisti del trasloco.

Come prepararsi al trasloco

Se ti appresti a fare un trasloco fai da te avrai sicuramente bisogno di amici e/o parenti che ti aiutano ad inscatolare e trasportare tutto, mobili e pezzi voluminosi compresi, se li trasferisci nella nuova abitazione.

E proprio gli scatoloni sono indispensabili: procuratene molti, di dimensioni grandi ma non troppo, per evitare che poi il peso di ognuno sia eccessivo.

Dividi il contenuto per ambienti e scrivi sopra, oltre a cosa contiene, anche il luogo dove andrà: con l’etichetta a dicitura cucina una volta entrati nella nuova dimora il pacco si potrà posizionare subito nel posto giusto così da non essere più spostato.

Ricordati di imballare con cura i pezzi fragili perché con gli spostamenti repentini delle scatole potrebbero subire urti e danneggiarsi.

Infine non disdegnare di buttare via quegli oggetti che proprio non usi da tempo e con tutta probabilità non ti serviranno da adesso in poi: avrai così meno cose da trasferire e ne sarai felice.

Il giorno del trasloco

Se hai fatto bene i preparativi il giorno fatidico avrai ancora pochissimi piccoli oggetti da sistemare mentre la gran mole di lavoro prevede di portare fuori gli scatoloni e soprattutto consisterà nel smontare mobili e pezzi di arredo grandi.

Non dimenticare di avere a portata di mano una valigetta degli attrezzi, comprendente un avvitatore ad accumulatore, perché servirà allo smontaggio e poi a rimontare il tutto nel nuovo appartamento. Sarebbe un’ottima cosa riuscire a ripristinare gli arredi nella stessa giornata perché in questo modo vivrai fin da subito la tua nuova vita in casa.

I mobili hanno un grande ingombro e vanno protetti con apposite coperte per traslochi che riducono i rischi di possibili urti contro muri e infissi ed evitare che si danneggino.

Lascia pulita la vecchia casa

Quando si lascia una casa in affitto prima della riconsegna delle chiavi al proprietario bisogna dedicarsi alle pulizie dei locali. Si possono fare nei giorni seguenti il trasloco ma è necessario che la casa sia resa in un ottimo stato, che tra l’altro tornerà utile nel caso di una cauzione iniziale versata proprio per garantire il buon mantenimento dei vani e che sarà restituita.

Al termine di un’accurata detersione per completare l’opera è bene provvedere anche alla chiusura dei buchi dei tasselli ai muri con stucco e spatola, così il tutto sarà perfetto.

L’arrivo nella nuova casa

Quando entrerai nel tuo nuovo nido sarai distrutto ma soddisfatto perché il più è fatto anche se dovrai ancora sistemare i mobili nello spazio, sistemare i quadri, sballare gli scatoloni, almeno quelli con le cose necessarie subito.

Per gli altri puoi darti più tempo, e se hai una cantina o una stanza in più puoi impilare tutto ciò che al momento non ti serve per poi prendertene cura in un secondo momento.