L’isolamento acustico è per una casa un qualcosa di fondamentale importanza. Percepire di continuo i rumori provenienti dall’esterno non è mai piacevole. Quando ci si ritira nel proprio appartamento dopo una lunga giornata di lavoro o quando magari si tenta di concentrarsi su attività che richiedono una certa dose di impegno mentale è importante farlo in un ambiente ben isolato acusticamente.

Isolamento acustico: cosa c’è da sapere?

L’isolamento acustico è la chiave vincente per poter vivere in pace in condominio o a stretto contatto con vicini di casa chiassosi, oppure ancora nella più frenetica delle metropoli.

Esso si ottiene mediante l’uso di appositi pannelli fonoisolanti in grado di assorbire le vibrazioni sonore prodotte al di fuori del nostro appartamento. I suddetti pannelli vengono collocali sul soffitto e sui muri perimetrali in modo da proteggere dai i suoni provenienti dall’esterno.

Gli stessi pannelli possono aiutarci a tutelare la nostra privacy evitando che qualsiasi genere di rumore prodotto in casa possa essere percepito dall’esterno. Si tratta di un vantaggio in più da tenere in gran conto, soprattutto se si è soliti svolgere attività rumorose che potrebbero disturbare il vicinato: dal bricolage alle lezioni di batteria, dall’ascoltare la musica a tutto volume all’utilizzare elettrodomestici non esattamente silenziosi.

Perché tutto vada per il verso giusto però è necessario rivolgersi sempre a degli specialisti del settore che si avvalgano di materiali e tecniche di installazione all’avanguardia. Il suggerimento da questo punto di vista è quindi quello di evitare il fai da te.

Perché è necessario un sopralluogo?

Prima di installare i loro pannelli fonoassorbenti le aziende migliori effettuano dei sopralluoghi. Nel corso di questi interventi gli operai prendono le cosiddette misure fonometriche, valutano cioè quale grado di insonorizzazione sia necessario all’ambiente. Chiaramente infatti vivere nelle immediate vicinanze di un aeroporto, di una ferrovia o di un campanile non è come vivere accanto a dei vicini di casa poco silenziosi ed è quindi necessario adeguare l’intervento alle specifiche esigenze del cliente.

A seguito di questo primo sopralluogo si stabilirà perciò quali materiali utilizzare per produrre i pannelli fonoassorbenti necessari e si prenderanno ovviamente le misure dell’immobile o della stanza da insonorizzare. A questo punto sarà possibile per il richiedente entrare in possesso di un dettagliato preventivo riguardante i costi dell’operazione.

Un conto all’apparenza un po’ salato non è preoccupante come credete. Isolare acusticamente un appartamento significa infatti avviare dei lavori di ristrutturazione e di riqualificazione edilizia. Questo genere di operazione è di norma sostenuta ed incentivata dallo Stato che consente di usufruire di interessanti sgravi fiscali e di detrarre quindi una buona parte dell’importo destinato all’intervento. Perché ciò sia possibile è necessario essere in possesso di un’adeguata certificazione acustica. Anche per questo motivo è sempre meglio rivolgersi quindi ad un’azienda specializzata. Si suggerisce però di informarsi preventivamente circa le possibilità di detrazione ed i criteri per l’ottenimento del bonus statale: annualmente sono infatti possibili delle piccole modifiche ai regolamenti di riferimento.

Sostituzione di porte ed infissi

Come spiega in un suo articolo la Mazzucco Srl, anche l’installazione degli infissi giusti può contribuire ad isolare acusticamente un ambiente. Attualmente esistono sul mercato parecchi prodotti pensati proprio per evitare che il caldo, il freddo e l’eccessivo rumore esterno possano entrare in casa disturbando la nostra serenità, costringendoci ad attivare condizionatori e termosifoni anche quando se ne potrebbe benissimo fare a meno. Questi prodotti sono pensati per adattarsi a tutte le esigenze pratiche ed estetiche degli utenti.

Anche la sostituzione di porte ed infissi così come di cielini, volta ad insonorizzare ed isolare termicamente la nostra casa viene riconosciuta dallo Stato come una pratica ecologica e riqualificativa degli ambienti. Per questo motivo tale operazione può fruttare al cliente un grosso sgravio fiscale. Una ragione in più per non temporeggiare ulteriormente e per rendere finalmente la casa quell’oasi di pace e benessere che abbiamo sempre desiderato.