Alcune tendenze, nel mondo dell’Interior design, non muoiono mai ma tornano ciclicamente. Accade ad esempio con le porte classiche, che negli ultimi hanno riportato l’attenzione su un arredo in stile retrò.

Quali sono, a tal proposito, i modelli di porte da preferire se si desidera conferire alla casa una personalità anacronistica e classica nello stile? Di sotto, una guida all’acquisto da cui poter prendere facilmente spunto.

Porte in legno

Le porte in legno sono sicuramente la scelta più comoda verso cui orientare l’acquisto quando si desidera adeguare la casa ad uno stile classico. Sul sito Garofoli si possono trovare, a questo proposito, dei modelli molto interessanti.

Tornando al legno possiamo dire che questo materiale viene spesso associato allo stile classico, in quanto naturale e idealmente legato alle epoche passate.

Tra le varietà del legno è possibile trovare il legno noce, il legno massello, il rovere, quello listellare o tamburato. Ciascuna di queste può considerarsi una soluzione elegante da inserire in un ambiente domestico sofisticato.

Porte pantografate

Un’altra idea da considerare per una casa dallo stile retrò è la porta pantografata. Si tratta, in questo caso, di una porta estremamente raffinata nello stile, che si distingue per la presenza di particolarissimi bassorilievi sull’anta. I decori sono il segno distintivo di questo modello, che non è relegato all’arredo classico ma risulta in realtà molto più flessibile.

Più l’incisione è lavorata, più la porta si identifica in un design elegante. Le lavorazioni e i bassorilievi possono essere appena accennati o più vistosi: per legarsi allo stile classico, dunque, basta richiedere decori sfarzosi, riprodotti ad esempio attraverso rilievi con foglia oro o argento.

Porta a libro

La porta a libro è anch’essa una soluzione da poter collocare in un ambiente domestico raffinato e formale. Oggi essa costituisce un accesso originale, poiché poche sono le persone che vi si affidano rispetto al passato. Nonostante questo c’è chi sceglie comunque di riportarla in auge e di farne un vezzo vistoso all’interno di una casa d’epoca.

Porta scorrevole

Siamo abituati a pensare alla porta scorrevole come ad un complemento d’arredo disegnato per le case moderne. In realtà, sebbene sia facile incontrarla con maggiore frequenza negli ambienti più all’avanguardia, la porta scorrevole può essere inserita anche in una stanza dallo stile classico. Il segreto è nella scelta dei materiali: il legno, ancora una volta, può fare la differenza.

Porta in vetro

Per ricostruire un’atmosfera raffinata in casa è possibile affidarsi al vetro. Come il legno, il materiale vitreo veniva impiegato spesso in passato, per valorizzare e dare luce agli ambienti angusti e bui.

Le porte specchio o quelle in vetro satinato sono per questo da considerare al pari delle altre soluzioni proposte di sopra: il consiglio è quello di collocare il vetro come sistema divisorio tra la zona notte e la zona giorno. Anche in questo caso possiamo impreziosire il modello attraverso lavorazioni e disegni stilizzati.