I vantaggi nello scegliere porte filo muro

Scegliere una porta filomuro: che vantaggi offre questa soluzione? Come si può essere sicuri di aver trovato un prodotto adatto alle proprie esigenze? Sono proprio questi gli argomenti che tratteremo in questo breve articolo.

Perché scegliere una porta rasomuro

Una porta rasomuro, lo si accennava già poco prima, può offrire davvero molti vantaggi a chiunque decidesse di installarla in casa. Innanzitutto essa consentirebbe di gestire meglio gli spazi del proprio appartamento: mediamente queste strutture consentono infatti di sfruttare circa l’8% in più delle superfici rispetto alle porte che tutti conosciamo.

Il prodotto in questione si caratterizza anche per un’estrema adattabilità agli ambienti: poco importa che le pareti siano in muratura o in cartongesso, il controtelaio può comunque essere montato e funzionare alla perfezione.

Non è da sottovalutare nemmeno l’aspetto estetico della questione: il colpo d’occhio che esse restituiscono è davvero apprezzabile, soprattutto se si considera che non frammentano la decorazione di una parete. E questo ci porta dritti dritti ad un ulteriore vantaggio connesso all’uso di porte rasomuro. Esse possono mimetizzare alla perfezione l’accesso a tutti quegli spazi della casa che non vogliamo esporre agli sguardi indiscreti dei visitatori.

In ultimo bisogna anche considerare che, soprattutto se installerete la versione scorrevole, gli ambienti possono apparire continui sul piano spaziale ed in molti casi, più luminosi di quanto non sarebbero normalmente.

Arredo di interni: giocare sui contrasti

Le porte filomuro consentono anche di compiere precise scelte stilistiche. Date le caratteristiche sopra illustrate, esse possono integrarsi alla perfezione con la parete e celarsi ad uno sguardo distratto. Queste porte quindi possono mimetizzarsi, lo abbiamo già visto.

Di contro però possono anche essere poste in risalto utilizzando colori e decorazioni che le staccano letteralmente dalla parete e che consentono di compiere precise scelte di design.

Materiali e tipologie

Molti sono i materiali utilizzabili per la realizzazione di una porta filomuro. Sul sito in-door.it si possono vedere diversi esempi, da quelli più classici, vetro e legno su tutti, a quelli più moderni in vetro e alluminio, a quelle più estrosi, ad esempio pelle o pietra. Stesso discorso vale per le decorazioni che possono essere realizzate mediante vernici, applicazione di carte da parati e quant’altro.

Anche le finiture possono contribuire parecchio alla personalizzazione di questo genere di porte: sabbiate o satinate che siano esse agiscono filtrando o meno la luce e garantendo comunque una certa privacy.

Interessante è anche soffermarsi sulle tipologie di porte filomuro. Alcune di esse vantano un sistema di apertura scorrevole a scomparsa (interno o esterno al muro), altre a battente, altre ancora a bilico. Ovviamente la scelta di una variante piuttosto che un’altra dipende soprattutto da questioni legate alla praticità di impiego e agli spazi sfruttabili.

Suggerimenti utili

Le porte rasomuro possono contribuire ad allargare gli ambienti ed a restituire l’idea di continuità. L’impressione di chi osserva è di stazionare in una stanza grande, dalle linee pulite ed essenziali. Tali porte possono con il medesimo risultato essere impiegate anche  per gli esterni.

L’importante è prevedere la loro installazione in fase di costruzione o ristrutturazione dell’immobile e comunque prima della stesura degli intonaci.